Home Attività Parlamentare Reflui fognari nel Parco Nazionale del Cilento

Reflui fognari nel Parco Nazionale del Cilento

150
0
CONDIVIDI
Reflui-Parco-Nazionale-Del-Cilento

I reflui fognari nel Parco Nazionale del Cilento sono stati oggetto di un’indagine condotta da cittadini di Sala Consilina che hanno a cuore il proprio territorio. Il risultato è una corposa documentazione fotografica e video degli impianti di depurazione ubicati in diciassette paesi del Parco Nazionale Del Cilento e dei relativi corpi idrici recettori con scarico finale nel fiume Tanagro. Le città osservate sono: Auletta, Pertosa, Caggiano, Polla, Atena Lucana, Sant’Arsenio, San Pietro Al Tanagro, San Rufo, Teggiano, Sassano, Monte San Giacomo, Sala Consilina, Padula, Montesano, Buonabitacolo, Casalbuono e Sanza.

Dal monitoraggio è emersa una situazione di malfunzionamento o non funzionamento dei depuratori con scarico dei reflui fognari non depurati direttamente nei corpi idrici recettori. La gravità dello stato dei fatti aumenta se si pensa che gli agricoltori utilizzano tale acqua per l’irrigazione, immettendo inquinanti nella catena alimentare.

Tutti i filmati sono visibili sul canale youtube. >> Canale Youtube Cittadinanzattiva Sala Consilina << 

Provvederò a interrogare il Ministro dell’Ambiente per questa grave segnalazione per la prevenzione delle coltivazioni locali e per la tutela della salute dell’uomo.

[divider]

Al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Per Sapere – Premesso che:

  • In Campania, nell’area del Cilento, il monitoraggio dello scarico di acque reflue in diversi

comuni tra i quali Casalbuono(SA), Auletta(SA), Teggiano(SA), Padula(SA), Sassano(SA) e

Sala Consilina(SA), nel Parco Nazionale del Cilento, ha evidenziato la totale inadeguatezza

delle infrastrutture preposte allo smaltimento degli scarichi urbani e industriali;

  • Molti depuratori di questo esteso territorio sono malfunzionanti ed alcuni vessano in totale

stato di abbandono permettendo di fatto l’inquinamento delle aree circostanti e lo scarico di

fanghi e acque non trattate nel bacino idrografico del fiume Tanagro-Sele, rientrante

nell’omonima area naturale protetta riconosciuta dalla Regione Campania nel 1993.

(http://www.italia2tv.it/2015/05/01/vergogna-depuratori-nel-vallo-di-diano-denuncia-

interrogazione-di-pedicini-alleuropa/)

Se il Ministro ritenga opportuno eventuali verifiche e quali azioni intende adottare in merito.

 

Commenta questo post