Home Battaglie Linea storica Napoli-Salerno: la domanda è “perchè?”

Linea storica Napoli-Salerno: la domanda è “perchè?”

2578
0
CONDIVIDI
linea storica napoli salerno

Ringrazio Alfonso Tulipano per questo contributo informativo sui trasporti in Campania.

 


Perché i treni veloci da Napoli Centrale per Sapri-Cosenza- Paola (18 verso sud e 13 verso nord) che prima passavano per la linea storica Napoli-Portici-Salerno sono instradati sull’AV Linea Monte Vesuvio ???

I treni sono:

  • da Napoli c.le per Sapri/Cosenza/Paola (3459-34785-3453-34787-34793-3461-34795-34797- 3387-2435-2437-3467-3459-34785-3453-34787-2427-34793)
  • da Paola/Cosenza/Sapri per Napoli:

(2424-3704-2426-3708-3478 4-34788-2432-34792-34794-34798-2436-3700-3702)

 

Da quando è stato cambiato l’orario,13 dicembre 2014, con doppia deviazione,treni diretti sulla LMV e metropolitani deviati via Cava, oltre a favorire l’alta velocità, sono state create delle disparità,tra stazioni: a Cava dei Tirreni oggi passano 3treni/ora mentre a Pagani 1 solo treno/ora.

 

Differenza di trattamento tra viaggiatori pendolari e viaggiatori turistici ed occasionali con

aumento dei costi per i pendolari e riduzioni sulle offerte commerciali per l’AV per fare concorrenza ad Italo. IL TIC è stato aumentato del 37% nella fascia ex E2, quella maggiormente utilizzata da studenti e pendolari è passato da 1,60 a 2,20 € ad inizio anno.

 

Dall’orario in vigore, dopo caduta del muro a Portici sulla linea storica (definita metropolitana) i tempi di percorrenza sono enormemente aumentati.

Giusto per fare un esempio: in precedenza, oltre ai regionali di cui punti 1 e 2, vi erano treni diretti che passavano via galleria S.Lucia  e raggiungevano Salerno in 13 minuti e Napoli Centrale in 35 minuti dalla stazione di Pagani. Oggi ci vogliono 31 minuti per Salerno e 57 per Napoli P.G. con una frequenza di un treno /ora al quale se aggiungiamo ritardi ed/o soppressioni si arriva addirittura a 2 ore e 30 minuti.

 

La sera il treno 24430 Arechi 17:51  Salerno 18:12, alle 18:02 (causa binario unico) fa coincidenza con il treno 7887 Salerno 17:51 – Arechi 18:10, il quale ha origine nel treno 8098 Benevento 15:28 -Arechi 18:10.

 

Quasi tutte le sere, la coincidenza 7887 – 24430 ,nella stazione Mercatello non viene rispettata e di

conseguenza si verifica una delle seguenti condizioni :

  1. si perde la coincidenza tra 24430 con il 21292  per Napoli C.F. in partenza Salerno 18:24
  2. Il treno 8098 viene fermato a Salerno e di conseguenza viene soppresso il 7887.
  3. Salta la corsa del 24432 Arechi – Salerno
  4. Già il precedente 7938 Arechi 17:12 –Salerno 17:33 non permetteva la coincidenza con il 21288 Salerno 17:24 per Napoli C.F 19:22 con fermata anche a Pagani e Scafati
  5. Aggiungi che il 21290 in partenza da Salerno 17:54 non ferma a Pagani e Scafati.

 

Ecco spiegato perché un pendolare con origine –Arechi-Arbostella-Mercatello-Pastena-Torrione che esce  dal lavoro alle 17:12 arriva a Pagani alle 18:57 a Scafati alle 19:07 (1 ora e 45 minuti) e potrebbe addirittura arrivare alle 19:57 (2 ore e 45 minuti) restando fermo per ben 2 ore in stazione. –NON PARLO DI ECCEZIONI come dimostrato nelle cronache della settimana dal 06 al 13 novembre u.s. quando si è stati costretti a fare fermate straordinaria del treno 21294 nella stazione di Pagani e Scafati per 3 giorni su 5.

Mancate coincidenze tra la linea storica ed i regionali che provenienti da Napoli LMV proseguono per Battipaglia,Agropoli,Vallo,Sapri e viceversa sono strutturate.

Solo come ulteriore esempio il 21243 in arrivo a Salerno da Napoli C.F. alle 8:33 non riesce a fare coincidenza con il 34785 proveniente da Napoli Centrale 6:53 sulla LMV in arrivo a Salerno 7:33  che parte puntuale per Sapri alle 7:37 dopo 4 minuti di attesa.

Tempo non sufficiente ci vogliono non meno di 5 minuti,in buone condizioni fisiche per fare il passaggio e quindi ogni giorno ci sono pendolari per Pontecagnano, Battipaglia, Capaccio, che vedono partire il treno sotto ai propri occhi.

Questi sono solo piccoli esempi (sia pure dettagliati) di cosa succede e cosa è diventata la linea storica.

La domanda è perché succede ? Qual è la strategia ? Perché con due treni che fanno la stessa tratta i pendolari ,ed una utenza di circa 1.000.000 di persone, restano a piedi ? Perché ci costringono ad utilizzare l’auto con il conseguente inquinamento ? Perché non prendono provvedimenti per recuperare il 35 percento dei pendolari,studenti e lavoratori che ha abbandonato il treno ?

Perché vengono disattese tutte le richieste di buon senso del gruppo pendolari linea storica Napoli-Salerno ? https://www.facebook.com/groups/930187666991844/

Perché nonostante l’uscita di un libro di inchiesta dal titolo “ci scusiamo per il disagio” che mette in evidenza queste cose e non solo, Trenitalia continua ad abusare di questa citazione su tutte le stazioni, ossessivamente causa disagi ripetuti ? perché portano i passeggeri all’esasperazione ?  Perché non riusciamo ad avere il contratto di servizio, nonostante lo abbiamo richiesto per ben 3 volte ? Perché la IV commissione trasporti tarda ad incontrarci ?

Perché con il nuovo orario in vigore dal 13 dicembre 2015 nulla è cambiato ?

Perché in questa situazione hanno fatto un programma di treni straordinario per visitare luci d’artista ?

Perché ci sono treni con origine Benevento e Nocera Inferiore ,che arrivano fino ad Salerno- Arechi ? Sono considerati treni metropolitana Salerno ?

Diteci perché e se non lo volete dire a noi, lo direte ai procuratori ed alla corte dei conti a cui ci rivolgeremo per sapere “IL PERCHE’DI TUTTO QUESTO”.

 

 

https://www.facebook.com/groups/930187666991844/    

napolisalerno@gmail.com

il portavoce  pro tempore

alfonso tulipano

Commenta questo post