Home Battaglie Aiutiamo gli Amici della terra di Mercato San Severino!

Aiutiamo gli Amici della terra di Mercato San Severino!

99
0
CONDIVIDI
amici-della-terra-copertina-mercato-san-severino
Già in passato mi ero dedicato alla problematica che aveva colpito gli “Amici della Terra” di Mercato San Severino, in provincia di Salerno.
amici della terra
Clicca sull’immagine per guardare il video
È passato un po’ di tempo e come promesso mi sono adoperato nuovamente per risollevare questa delicata problematica riguardante non solo il Comune in questione, non solo altri Comuni campani, ma diverse zone del territorio nazionale.
Attraverso il gruppo di Mercato San Severino sono riuscito a portare all’attenzione del Governo il delicato problema del Piano Urbanistico Comunale che minaccia seriamente il nostro territorio e il futuro di tante famiglie non solo nel salernitano.

La partecipazione ed il rapporto costante e diretto tra cittadini e Portavoce sono infatti due strumenti che possono ridare credibilità alla politica.

La salvaguardia dell’ambiente e quindi il blocco della cementificazione selvaggia è uno dei punti principali del M5S e del nostro programma partecipato.
In un territorio dove ci sono tratti fognari risalenti al periodo fascista e siamo in costante pericolo idrogeologico, siamo convinti che vada rivisto profondamente il PUC, restituendo al territorio la sua vocazione agricola.

In attesa che ci possa essere un’Amministrazione che lavori in tal senso, con l’interrogazione parlamentare si richiede al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro dell’Economia e delle Finanze di assumere iniziative per modificare l’articolo 36, comma 2, del decreto-legge n. 223 del 2006 convertito dalla legge n. 248 del 2006, in modo che i piani Urbanistici abbiano inizio solo dalla data di approvazione dei piani attuativi, in modo da non gravare pesantemente sull’economia delle famiglie per un tempo indefinito.

Questo link dell’interrogazione presenta:
interrogazione-amici-della-terra-mercato-san-severino
Attendiamo fiduciosi una risposta da parte del governo.

Commenta questo post