Home Articoli in evidenza 150esimo anniversario della “Breccia di Porta Pia”

150esimo anniversario della “Breccia di Porta Pia”

351
0

Oggi ricorre il 150esimo anniversario della “Breccia di Porta Pia”, pietra miliare della Storia dell’Unità d’Italia che vide tra i principali protagonisti i nostri Fanti, Bersaglieri ed Artiglieri. È stata un’emozione fortissima condividere questo momento con loro 🇮🇹

Era il 20 settembre 1870 quando, su ordine del Generale Cadorna, i “Fanti piumati” entravano nella città eterna attraverso una breccia larga circa 30 metri, aperta a cannonate lungo le mura aureliane dall’artiglieria. In poco tempo l’esercito papalino veniva sconfitto e disarmato e la città conquistata. Pochi giorni dopo, un plebiscito popolare sanciva l’annessione di Roma al Regno d’Italia e l’anno successivo, a febbraio, la Città Eterna veniva proclamata capitale d’Italia.

Insieme alla sindaca di Roma Virginia Raggi, al delegato per la Regione Lazio Eugenio Patanè, abbiamo deposto una corona in onore dei caduti e dopo, accompagnati dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Enzo Vecciarelli e dal Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, ci siamo recati al Museo Storico dei Bersaglieri dove sono stati esposti documenti dell’epoca. Per l’occasione, in collaborazione con Poste Italiane, c’è stata anche l’emissione di francobolli celebrativi con relativo annullo filatelico concesso dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Nel ricordo di uomini coraggiosi che donarono la loro giovane vita, in via Nomentana 133, nella zona dove un secolo e mezzo fa assunsero lo schieramento le unità di artiglieria incaricate di abbattere le mura della città, è stata predisposta una lapide in memoria del Capitano Giacomo Segre che il 20 settembre del 1870 con il preciso fuoco sui pezzi aprì la breccia da cui irruppero i fanti e i bersaglieri.

Purtroppo a causa dell’emergenza Covid-19 questa importante data per Roma e l’Italia tutta si è svolta in forma ridotta a fronte dei grandi festeggiamenti previsti. Grazie ai presidenti dell’Associazione Nazionale Bersaglieri, Generale di Brigata (ris.) Ottavio Renzi e Artiglieri, Generale di Brigata (ris.) Pierluigi Genta, e all’Associazione Nazionale del Fante, rappresentate oggi dal Generale di Corpo d’Armata Carmine Fiore, presidente della sezione di Roma, a cui rivolgo il mio più grande riconoscimento per il lavoro che hanno portato avanti, in collaborazione con l’Esercito Italiano, con straordinario impegno e dedizione ispirandosi a quei valori propri dei Bersaglieri, degli Artiglieri e comuni a tutti i nostri uomini e donne con le stellette.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui