innovazione tecnologica energia

Questa mattina si è tenuto il quinto seminario sull’innovazione tecnologica targato “Italian Open Lab” dedicato allo studio del settore energetico. Ho chiesto al Gen. Isp. Francesco Noto, eccellenza della Difesa a capo della Struttura Progetto Energia, di condividere con il tavolo le progettualità in itinere ed evidenziare i punti di forza e le criticità che affronta la nostra amministrazione in questa fase di grandi cambiamenti tecnologici.

Le Aziende e le Università presenti hanno trattato con estrema schiettezza le ragioni culturali, tecniche e burocratiche che frenano una valorizzazione adeguata dei percorsi innovativi che deve affrontare il nostro Paese.

Hanno partecipato a questo seminario Francesco Morelli di Terna, il prof. Domenico Villacci del consorzio ENSIEL, il Prof. Livio De Santoli de La Sapienza, la Prof.ssa Paola Girdinio dell’Università di Genova, Simone Nisi della Edison, Alessio Torelli di Enel X, Pier Vittorio Rebba di ABB, Fabio Cocurullo di Leonardo, Claudio Picech di Siemens e Alessandro Pascucci di FederEsco.

Voglio ringraziare il Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico Andrea Cioffi per aver stimolato il dialogo con una visione più profonda sullo stato dell’arte del settore energetico e sul ruolo che deve avere la Politica per ritagliare all’Italia uno spazio adeguato alle sue reali potenzialità.

Anche in questo incontro è emerso che la tempestività nella realizzazione di progetti innovativi, la necessità di piattaforme condivise di ragionamento, una maggiore attenzione alla qualità dei bandi di gara e ad accordi su tecnologie sperimentali, il finanziamento di particolari nicchie di mercato, la garanzia di maggiori spazi di espressione delle PMI, sono azioni che possono sostenere una programmazione a medio e lungo termine.

A breve pubblicheremo tutti i video degli intervenuti sul sito italianopenlab.info per continuare in questo importante percorso di diffusione della cultura della Difesa e della Sicurezza al servizio del Sistema Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here