Home Sicurezza Partecipata Intelligence Collettiva: il concetto di sicurezza partecipata

Intelligence Collettiva: il concetto di sicurezza partecipata

3968
2
intelligence-collettiva-il-concetto-di-sicurezza-partecipata
Scopri di più sui Servizi Segreti

Il concetto di sicurezza partecipata.

Cos’è la sicurezza partecipata?

Abbiamo analizzato gli aspetti della sicurezza attraverso l’analisi dei tre principali nodi del Sistema Paese: singolo individuo, azienda e governo. Oggi è impensabile, se si vuole lavorare in modo efficace per la sicurezza del predetto sistema, non considerare costantemente interconnessi questi tre nodi fondamentali.

Non possiamo infatti garantire la sicurezza dell’intero sistema agendo soltanto su alcuni singoli nodi, essendosi ormai fortemente estesa la superficie di vulnerabilità dell’individuo.

L’unico modo per combattere l’impalpabile e nebuloso insieme delle minacce (cibernetiche, terroristiche, economico finanziarie, ecc.) è creare una joint venture tra cittadini, imprese e Stato, capace di migliorare il grado di resilienza del Sistema Paese.

Scopri di più sui Servizi Segreti

In questa rete integrata di interessi individuali, associati e collettivi, la cooperazione consapevole di questi interlocutori dà vita all’attuale ed innovativo concetto di “Sicurezza Partecipata”, un modello il cui raggiungimento sarà pienamente possibile solo attraverso una corretta ed efficace diffusione della cultura della sicurezza.

I temi dell’intelligence, un tempo bagaglio culturale esclusivo di chi aveva la responsabilità di gestire il potere, devono diventare oggi patrimonio collettivo indispensabile per la conservazione e la prosperità del sistema.

Al concetto di Intelligence militare, civile ed aziendale oggi dobbiamo sostituire la nozione ben più ampia di Intelligence Collettiva.

Articolo precedenteMissione Libia: nessuna risposta su immigrazione per gli italiani
Articolo successivoQuattro anni di aiuti alle PMI con gli stipendi dei parlamentari
Angelo Tofalo cittadino eletto al Parlamento con il movimento 5 stelle nella XVII e XVIII legislatura, già Sottosegretario di Stato alla Difesa

2 Commenti

  1. L’idea è giusta solo se l’antenna ricevente è sicura e tra migliaia di notifiche è in grado di vagliare e completare la trama di ogni disegno.
    Il covid 19 ha dimostrato che lo scenario è stato sottovalutato e soprattutto non intravede una strategia dietro il virus.
    Adesso è il momento di proteggere le imprese a rischio di fallimento e di acquisizione da parte di fondi di dubbia provenienza.
    dobbiamo pensare alla convivenza con virus e non al dopo virus.
    La domanda è una, chi è Mago Merlino?
    Ciao Angelo,
    Ho fiducia nel M5S e in te, buon lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui