Home Analisi politiche Nessuna deroga ai 2 mandati, la mia intervista a IlTempo

Nessuna deroga ai 2 mandati, la mia intervista a IlTempo

54
0
M5S, Tofalo a il Tempo bene regola 2 mandati
Scopri di più sui Servizi Segreti

Condivido la mia intervista rilasciata a Il Tempo Quotidiano.

Onorevole Angelo Tofalo, lei è parlamentare del M5S da due legislature. Hanno fatto bene Beppe Grillo e Giuseppe Conte a non concedere deroghe alla regola del secondo mandato?

Se ci fosse stata una sola deroga avrei lasciato il MoVimento. Il tetto dei due mandati è un nostro principio fondante. Sono molto felice che il Garante Grillo ed il Presidente Conte abbiamo infine fatto questa scelta.

Proprio oggi anche l’ex capogruppo Crippa e il ministro D’Incà hanno lasciato il Movimento. Cosa ne pensa?

Sono dispiaciuto. Questa fine inaspettata ed improvvisa della legislatura ha portato non poche conseguenze. Sono colleghi con i quali ho condiviso tante battaglie ma non condivido assolutamente il tentativo di voler restare per forza in parlamento.

Scopri di più sui Servizi Segreti

Lei è sottosegretario alla Difesa dal 2018. Non le dispiace disperdere questa esperienza?

Sono stato Sottosegretario di Stato alla Difesa per quasi 3 anni. Ho lavorato giorno e notte accanto agli uomini e alle donne delle nostre Forze Armate, affrontando con i governi Conte I e Conte II, importanti sfide come l’emergenza da covid-19. Mi permetta di dire che abbiamo delle vere eccellenze al Ministero della Difesa, gente con gli “attributi”. Questa esperienza non si disperderà e a breve mi vedrà impegnato a sviluppare tecnologia sovrana, “Made in Italy”, a supporto del comparto Difesa e Sicurezza e del Paese.

Cosa ne pensa degli scissionisti che hanno seguito Di Maio proprio per non sottostare alla regola che vieta un terzo mandato. Non li invidia un po’ per il fatto che potranno ricandidarsi?

L’invidia non mi appartiene e, al di là della regola dei due mandati, avevo già da tempo maturato la mia scelta di non continuare. Le assicuro che chi ha ricoperto incarichi di governo, se è un po’ sveglio, resta facilmente in parlamento con una qualsiasi forza politica. Luigi Di Maio è un caro amico e così come molti altri colleghi ha deciso di continuare a fare politica a tutti i costi, non condivido questa scelta ma sinceramente auguro a tutti loro il meglio per il futuro.

Una delle regole sacre del M5S era anche il rifiuto di alleanze. È già stata superata alle elezioni locali. Pensa sia arrivato il momento di “imparentarsi” con altre forze a livello nazionale? E se sì quali?

Abbiamo deciso, votando con i nostri iscritti, che possiamo fare alleanze su punti programmatici. Abbiamo sostenuto tre governi con forze politiche molto diverse tra loro ed abbiamo realizzato tante cose. Abbiamo lavorato in questi ultimi anni ad un campo largo e progressista di centro sinistra, le confesso che io non ero tanto d’accordo ma mi sono adeguato. In questa fase politica vedo ormai archiviata la partita alleanze, correremo da soli.

Cosa farà dopo il voto? Continuerà a militare nel M5S o tornerà alla sua professione?

Tornerò a fare quello che facevo prima, come ingegnere progettavo Opere Strategiche di IV classe per il mondo della Sicurezza. Come già detto cercherò di sviluppare la migliore tecnologia sovrana italiana. Sarò dietro le quinte per dare i migliori consigli a tutti coloro che me li chiederanno.

Articolo precedenteA Salerno “Intelligence Collettiva – Appunti di un Ingegnere rapito dai Servizi Segreti”
Articolo successivoSanità: le priorità per ripartire dal digitale
Angelo Tofalo cittadino eletto al Parlamento con il movimento 5 stelle nella XVII e XVIII legislatura, già Sottosegretario di Stato alla Difesa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui