pace-dialogo-cooperazione-seoul-defense-dialogue-2018-angelo-tofalo-sottosegretario-ministero-difesa-italia-corea-copertina

Pace, dialogo, cooperazione: sono state le parole che più spesso ho sentito pronunciare in questi giorni al Seoul Defense Dialogue 2018.

Se l’edizione del 2017 era intitolata “Vision for Security Cooperation in an Age of Uncertainty”, in un clima internazionale di tensione e con lo spettro di un conflitto nucleare alle porte, quest’anno l’incertezza del 2017 ha lasciato lo spazio alla speranza, e l’edizione è stata infatti intitolata “Sustainable Peace: from Conflict to Cooperation”.

Una pace sostenibile invocata dal Ministro della Difesa Song Young-moo, che ha aperto la giornata con un suo intervento rivolto alle delegazioni di 53 nazioni e di 5 organizzazioni internazionali presenti all’evento.

A seguire, è intervenuto Chung Eui-yong, Direttore del National Security Officer, l’uomo che è riuscito a persuadere e convincere, dopo aver guadagnato la sua fiducia, il leader nord coreano Kim Jong-un a incontrare qualche mese fa il Presidente Moon.

Entrambi hanno espresso il desiderio di stabilità e sicurezza, affermando che la discussione e la cooperazione internazionale sono fondamentali per promuovere la pace e risolvere i conflitti.

Ho considerato un messaggio molto significativo quello di vedere, nel video iniziale di benvenuto, il primo piano di Kim Jong-un nella virtuale tavola rotonda dei principali attori di questo processo di pace in corso: un cambio di narrativa ed un segnale di apertura da parte di un popolo che ho trovato molto fiero, cordiale ed ospitale.

All’interno del meeting, considerato tra i principali organizzati qui in Asia, sono state discusse tematiche regionali riguardanti la stabilità e la sicurezza, come la denuclearizzazione della Penisola Coreana, e altri argomenti globali quali la sicurezza marittima, la cyber security, la cooperazione della Difesa nel campo della Sicurezza Energetica, la prevenzione al terrorismo e le attività di peacekeeping.

L’Italia da oggi c’è e sarà su tutti i tavoli internazionali in maniera sempre più determinata per affrontare da protagonista le future sfide della Difesa e della Sicurezza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here