Home Articoli in evidenza Visita al Sacrario delle Bandiere

Visita al Sacrario delle Bandiere

3535
2
Visita al Sacrario delle Bandiere angelo tofalo sottosegretario difesa movimento 5 stelle governo conte (1)

Questa mattina, nell’ambito della delega relativa alla trattazione delle problematiche inerenti la diffusione della cultura della Difesa e della Sicurezza, ho visitato il Sacrario delle Bandiere.

Questa incredibile struttura, ultimata nel 1935, ha lo scopo di custodire tutte le Bandiere di Guerra, a partire da quelle che erano state utilizzate durante le battaglie risorgimentali per l’Unità e l’indipendenza dell’Italia.

Sono state così raccolte le bandiere appartenute ai vari reggimenti disciolti al termine del primo conflitto mondiale e degli altri reggimenti disciolti al termine della Seconda guerra mondiale.

Il sito prescelto per custodirle, all’interno del Vittoriano, accanto alla tomba del Milite Ignoto, voleva esaltare proprio la funzione sacrale e simbolica della “Bandiera” che diventava il mezzo più semplice e diretto per commemorare il sacrificio e il coraggio dei tanti soldati italiani che avevano lottato sotto l’insegna del Tricolore per un comune senso della patria alla ricerca della libertà.

All’interno delle ampie teche ricavate nelle campate interne del Sacrario le bandiere sono raggruppate secondo le varie appartenenze: Aeronautica, Cavalleria, Genio, Artiglieria, Bersaglieri, Fanteria, Guardia di Finanza e di Pubblica Sicurezza.

Nelle due grandi gallerie sono custodite circa duecento tra bandiere, stendardi, labari e cimeli tra le quali, quelle dei reparti disciolti modello 1947 e circa venti drappi Guerra appartenuti ai reparti prima della conversione da monarchia a Repubblica.

Completano il percorso espositivo cinque teche contenenti oggetti recuperati durante azioni di combattimento su diversi teatri di guerra, di particolare interesse le bandiere lacerate dagli stessi militari catturati per nasconderle e non farle così cadere in mano al nemico, per poi ricomporle a guerra finita.

Il drappo è per una bandiera di guerra l’elemento più “sacro” e caratterizzante dell’appartenenza ad una Nazione e ai suoi ideali, per questo motivo all’interno del Sacrario delle Bandiere delle Forze Armate sono custoditi resti di drappi lacerati dagli stessi militari prima di cadere prigionieri del nemico, custoditi durante la prigionia e riconsegnati a fine guerra una volta rimpatriati.

In molti casi i militari apponevano il proprio grado, Nome e Cognome sul lacero di stoffa di cui si erano fatti custodi.

Tra tutti è da segnalare lo stendardo del 2° gruppo Carri Veloci “San Marco della 2^ divisione Celere Emanuele Filiberto, custodito all’interno di un cofanetto in legno e vetro, pregevole per ricamo ma ancor più per i nomi presenti sui vari pezzi di stoffa tra i quali spicca “per Franco Sabatucci la Madre” con ogni probabilità custodito e riconsegnato dalla madre del militare Franco Sabatucci dopo la morte del figlio.

Voglio ringraziare il Comandante Maggior Generale Gerardo Restaino che mi ha voluto mostrare personalmente un tesoro fatto di storie, emozioni e simboli di un Paese che dobbiamo riportare al suo massimo splendore.

Ascoltare dalla voce appassionata del Colonnello Giovanni Greco i racconti di cui erano intrisi tutti i cimeli conservati nel sacrario mi ha fortemente emozionato e permesso di sentire ancora di più sulla mia pelle la forte responsabilità di assicurare a chi dedica la propria vita alla difesa del Paese le migliori condizioni di lavoro possibili.

Consiglio vivamente a tutti di visitare questi luoghi dove si respira forte il senso di sacrificio e di appartenenza al Paese.

Visita al Sacrario delle Bandiere angelo tofalo sottosegretario difesa movimento 5 stelle governo conte (1)Visita al Sacrario delle Bandiere angelo tofalo sottosegretario difesa movimento 5 stelle governo conte (1)
Previous articleAzioni concrete per un mondo senza plastica #PARTECIPA
Next articleDifesa comune europea: costruire un’unica “industria europea” della Difesa
Angelo Tofalo cittadino eletto al Parlamento con il movimento 5 stelle nella XVII e XVIII legislatura, già Sottosegretario di Stato alla Difesa

2 COMMENTS

  1. Simbole di storia a arma portare,in futuro tempo con limite di minute o seconde durante essa bathle per vincere o continuare vita personalizata,FORZA SIGURA,che inviare ANIMA in corpo da rischioso secondo per vivere.Anima e dipendenta solo da storiche momenti e strumenti,mode di amore Vita.Anima puo tornare in corpo e continuare tra memorizata storia,passata amore,fatta primo di incidente missione di arme uomine.Se qualquno pregare a DIO per continuare a Anima in vita,materia fisica anche continuare in vita.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here