Home Attività Parlamentare Datagate: Movimento 5 stelle alla Camera dei Deputati risponde all’informativa di Enrico...

Datagate: Movimento 5 stelle alla Camera dei Deputati risponde all’informativa di Enrico Letta

183
1
CONDIVIDI
angelo-tofalo-datagate-movimento-5-stelle
angelo-tofalo-datagate-movimento-5-stelle

 

Grazie presidente,

chiarisco subito una cosa a tutti, da sempre, chi gestisce le informazioni ha il controllo dei processi e quindi ha il potere!

Avevo chiesto al Copasir entro la giornata di ieri audizione di due analisti, tecnici e non politici, per capire realmente la situazione, ma non mi è stata concessa! Lei è venuto oggi qui a dire il nulla e lo sa benissimo!

la vicenda “Datagate” è semplicemente la vetta momentanea di un’immensa montagna di letame!

…e mentre tutti sono distratti dalla depravazione politica nazionale, lei presidente Letta, sta facendo scappare dal retrobottega, le grandi orecchie americane, complimenti!

Già, perché proprio gli Stati Uniti sono il timone della Nato, la domanda è fino a che punto allora i servizi informativi europei possono spingersi nella collaborazione con quelli americani rispettando i singoli interessi nazionali? è proprio qui che sorge il problema della “doppia lealtà” della quale nessuno parla! e sulla quale oggi, in quest’aula, ci saremmo aspettati da lei dei chiarimenti!

Gli americani hanno accettato spese ed imprese militari della Nato e non certo per avvantaggiare gli europei, infatti l’Euro non ha minimamente indebolito la posizione politica del dollaro.

E’ in questo quadro che va inserito il costante spionaggio americano sulle attività di governo degli “alleati”: una forma di guerra economica accettata passivamente e supinamente dalle vittime, questo era il conto da pagare! Ed oggi è chiaro a tutti!

Presidente se ne faccia una ragione: l’Europa non esiste!

In nome di un evidente aborto politico lei sta conducendo l’Italia sulla stessa strada della Grecia, lasciata morire dai “fratelli europei”, sacrificata sull’altare delle banche tedesche e francesi che volevano indietro la loro “libbra di carne”.

Solidarietà doveva essere la prima parola, il primo mattone della costruzione europea. Non è stato così. Non è così!

Chi sono i veri responsabili di questo fallimento? Chi ha tradito il popolo sovrano?

Proprio lei! che si vanta, nella sua Europa, di aver palle d’acciaio, e che invece se girasse per le strade italiane, magari senza scorta, sentirebbe le voci di chi questi attributi proprio non li riesce a vedere.

Tutti sanno che l’Europa post 45′,”antigermanica”, è un’operazione di contenimento del gigante, ma pochi sono consapevoli che il vero collo di bottiglia della politica comunitaria è la “force de frappe”, la potenza nucleare francese usata come dissuasione!

Lei, Presidente, che parla il francese, lei che ha studiato a Strasburgo, sa bene che 50 anni fa, per mano loro, fallì il progetto della Comunità Europea della Difesa.

Oggi invece la NSA lavora autonomamente su una quantità di dati infinita, in un solo giorno mezzo milione di contatti, il caso Petrobras, i governi brasiliano e messicano violati! 70,3 milioni di telefonate in 30 giorni in Francia! E queste sono solo alcune notizie trapelate da Snowden.

E l’Italia? Tranquilli, tutto ok, gli americani ci difendono!

Pesano come macigni le dichiarazioni dell’ex capo Cia per l’Italia Vincent Cannistraro che ci accusa di avere sistemi analoghi ai loro e di venderli a terzi.

Mi chiedo ma il governo cosa risponde a queste accuse?

Tanti di voi non hanno ancora ben chiara la differenza tra sicurezza e privacy, condivisione e controllo, tra metadati e contenuti degli stessi, tra un cavo lan ed il tubo di scarico della mia automobile!

Non si domandi cosa è meglio per lei ma cosa è meglio per i milioni di italiani a cui, rubato il futuro, svendete senza vergogna anche l’identità.

Spiate, spiate, troverete la disperazione di un popolo che non riesce a liberarsi da un manipolo di affaristi senza scrupoli, troverete tanti insulti rivolti a voi ed andando ancor più in profondità scoprirete che gli indirizzi IP di provenienza non appartengono solo a disperati, classi disagiate, esodati, cassaintegrati, lavoratori e pensionati.. dentro ci troverete una mediaborghesia distrutta dal vostro colpevole immobilismo pagato dalle lobbies.

Intanto grazie alle follie che avete firmato alle nostre spalle con gli altri stati cercate di svendere spiagge, suolo, terreni agricoli mentre gli avvoltoi stranieri continuano a prendere informazioni di mercato per capire come smembrare al meglio i nostri assett economici e commerciali.

Siete ormai totalmente compromessi con il mondo della finanza internazionale, e lei, presidente Letta, indossa una maschera di cera regalatale dagli eurocrati che la tengono in vita, su quella sedia, per farle eseguire solo ordini come un bravo burattino.

Ma sono certo che, se non fuggirete prima con i vostri elicotteri, avremo modo di riparlarne in Parlamento Europeo, sarà un vero piacere!


Commenta questo post