ilaria-Alpi
ilaria-Alpi

Non è semplice, in momenti come questi, trovare le parole giuste senza eccedere in qualche affermazione troppo forte.

Già perché Ilaria aveva 32, quasi 33 anni, proprio come me. Questa è l’età media del gruppo parlamentare al quale appartengo e sappiamo bene Presidente che a questa età si ha dentro quell’energia per la quale nulla sembra impossibile! Si va avanti come dei treni sempre certi di buttar giù ogni muro, ogni ostacolo che ci si pone davanti.

Ilaria era un treno, grinta e passione nel perseguire l’obiettivo, voglia di trasparenza e di raccontare la verità. Insieme a Miran Hrovatin aveva raccolto prove inconfutabili e probabilmente aveva scoperto il traffico di rifiuti tossici in cambio di armi e soldi che avveniva in Somalia (durante le missioni di pace) in cui erano coinvolti anche esercito ed istituzioni italiane e per questo furono entrambi uccisi.

Oggi conosciamo la verità storica ma non quella giuridica! e le istituzioni sono in grandissimo debito!

All’epoca dei fatti avevo quasi 13 anni e ricordo che se ne parlò molto di questa vicenda, e se dopo 20 anni abbiamo la possibilità di ricordare oggi Ilaria qui è grazie a chi, Giorgio (ora scomparso) e Luciana, hanno avuto la forza di tener in vita Ilaria e la sua storia a distanza di tempo.

Mi son sfogliato le oltre 1400 pagine della commissione parlamentare d’inchiesta sul caso che produsse ben 3 relazioni, una di maggioranza e 2 di minoranza. In questi giorni ho sentito tante belle parole…ora però ci vogliono i fatti! Perché se il segreto di stato si appone quando si mette a rischio la Sicurezza della Repubblica è anche vero che non si può nascondere la verità sulla vita di vittime innocenti, un donna ed un uomo che dovrebbero essere onorati da tutti semplicemente e solo portando alla luce la verità!

Tante belle parole, la ministra Mogherini ha detto che Ilaria è stata un suo modello! La ministra Pinotti era nella commissione d’inchiesta insieme alla Bindi e partecipò all’elaborazione di ottimi documenti. La presidente Boldrini ha detto che farà tutto il possibile per far luce! Bene parliamo di donne che stanno nella maggioranza, presidente di commissione Antimafia, al Governo ministeri Affari Esteri e Difesa donne sedute al tavolo del CISR e poi la presidente della Camera! Ci sono tutte le carte in regola per procedere senza indugi!

Ed allora mi rivolgo all’ultimo tassello, al presidente Matteo Renzi, che ora deve decidere se essere la faccia acqua e sapone che cela traffici di armi, rifiuti e omicidi o vuol rottamare davvero con i fatti per la prima volta qualcosa usando i suoi poteri per condividere un percorso con gli italiani!

Proprio qui, a pochi metri da noi ci sono i fascicoli con le verità nascoste, basta avere la volontà politica di alzare la mano e di aprire quegli archivi, basta avere il coraggio di assumersi le proprie responsabilità!

Concludo con una domanda a lei ed a tutti i presenti in aula e magari anche a chi è ancora in questo palazzo e forse sa qualcosa su questa vicenda: Pensate se Ilaria avesse potuto twittare! O scrivere uno stato su fb! forse oggi sarebbe stata ancora viva o forse no ma di certo avremmo saputo quella verità che con infinita passione ci voleva raccontare!

Ciao Ilaria, ciao Miran!

2 Commenti

  1. Ilaria Alpi e Miran Hrovatin: segreti sul traffico di armi e rifiuti. Renzi togli il segreto! | VIDEODOMANI NEWS VIDEO E NOTIZIEVIDEODOMANI NEWS VIDEO E NOTIZIE

    […] March 20, 2014 function forceUpdateSocialLinkz_467658561() { var arguments = { action: […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here