Home Attività Parlamentare M5S presentati dossier e interrogazione parlamentare suI fiume Sarno: “Uno scandalo”

M5S presentati dossier e interrogazione parlamentare suI fiume Sarno: “Uno scandalo”

2802
2
fiume sarno movimento 5 stelle
Interrogazione movimento 5 stelle fiume sarno

M5S presentati dossier e interrogazione parlamentare suI fiume Sarno: “Uno scandalo”

Nel febbraio 2013, un gruppo di 75 attivisti del M5S Campania, ha costituito il “tavolo tecnico Sarno” con l’intento di acquisire informazioni, documenti e dati aggiornati sullo “stato di salute” del bacino idrografico del fiume e dei suoi abitanti che ormai da 40 anni vivono in perenne stato di emergenza ambientale e sanitaria.

Grazie al lavoro del gruppo di attivisti sono stati presentati un dossier e due interrogazione parlamentare per richiedere interventi immediati e dare il via ad una vera bonifica del Sarno, bomba ambientale che mette a rischio la salute di un territorio che coinvolge oltre trenta comuni.

La motivazione che ha spinto il gruppo di lavoro del M5S  Campania, ad occuparsi di questo annoso problema, è nata dall’esigenza di offrire un contributo critico, e se possibile risolutivo, al DISASTRO AMBIENTALE e SANITARIO del bacino del Sarno che, giorno dopo giorno, assume dimensioni sempre più consistenti a causa dell’imponente e continua contaminazione delle  acque superficiali, acque sotterranee, mare, suolo, atmosfera, flora e fauna  con portata distruttiva per l’ambiente e la salute delle persone. Parliamo di un’area molto vasta, che abbraccia 33 comuni compresi tra le province di Napoli, Salerno e Avellino, con una elevata densità antropica  ed è quindi ben chiara l’entità del disastro perpetrato.

Qui il dossier: >>>>Scarica cliccando qui<<<<

“Lo stato del fiume Sarno  – dichiarano Angelo Tofalo, Silvia Giordano e Mimmo Pisano deputati del MoVimento Cinque Stelle – è la sintesi della pessima gestione politico/amministrativa in tema di tutela ambientale e della salute del territorio in Campania. Occorre un intervento a 360° per la pulizia totale del fiume”.

La deputata Silvia Giordano, inoltre, si è impegnata sul tema redigendo una ulteriore interrogazione parlamentare: “Al Signor Ministro della salute ho chiesto di adoperarsi – spiega Silvia Giordano – affinché si attivi per limitare i rischi relativi all’incidenza di malattie tumorali, e non solo, attivando uno stato di allerta della popolazione e sostenendo le spese necessarie per le ricerche statistiche e gli studi. Infine bisogna fare chiarezza sui fatti finora accaduti, destituendo tutti i responsabili in carica ad oggi, verificando l’adeguatezza dei progetti in corso e valutando le opere compiute riconoscendo il danno alla salute e dunque il disastro ambientale che può davvero riportare al ripristino dei luoghi o quanto meno ad una riqualificazione, istituendo una commissione di esperti, per la riqualificazione ambientale, culturale, economica, sociale”.

 


>>> versione definistiva portale Camera dei Deputati


 

Al ministro dell’Ambiente, territorio e lavori pubblici.

 

– Per sapere – Premesso che:

 

• La salute e la tutela dell’ecosistema e dell’ambiente sono valori assoluti.

• I dati relativi al monitoraggio dell’ecosistema marino del golfo di Napoli, (progetto

ministeriale SIDIMAR a cura di ARPAC e Stazione Zoologica di Napoli) e nuovo monitoraggio

conforme al D.Lgs. 152/2006 a cura di ARPAC; dalla lettura delle tabelle nelle stazioni

relative al tratto di mare prospiciente la foce del Sarno i valori di metalli pesanti e altri

inquinanti sono estremamente elevati, in particolare il cromo sia nell’acqua che nei

sedimenti marini, ad indicare la elevata compromissione della matrice abiotica (acqua

e sedimenti) che immette nella catena trofica inquinanti che, attraverso il processo di

biomagnificazione, concentra nei tessuti dei pesci quantità significative di queste sostanze;

• Analizzando le criticità del progetto di disinquinamento PS3, in particolare della filosofia

“ottimistica” e dell’approccio “tecnologico” che si è portato avanti fino ad oggi, si evince,

invece, la necessità di mettere in campo una strategia biologico-ambientale e degli effetti

sinergici indotti da questa;

• l’emergenza sanitaria dell’inquinamento del Sarno per le popolazioni che vivono nelle

sue vicinanze, mette in evidenza come la presenza nell’acqua di microrganismi di origine

fecale e di metalli pesanti, in concentrazione superiore a quanto stabilito dalla legge (D. Lgs

152/2006 e s.m.i.) determina l’aumento di infezioni quali febbre tifoide, diarrea infettiva,

epatite A, ma soprattutto tumori.

come sia stato possibile realizzare opere senza adeguare tecnologicamente i progetti alla nuova

normativa sull’ambiente, avvalendosi per conto di progetti risalenti al PS3?

Perché non si è fatta una seria valutazione costi/benefici sulla costruzione di grandi opere

inefficienti, costose e di difficile gestione e manutenzione ordinaria e straordinaria, a fronte

di piccoli interventi di depurazione, di collettamento con reti duali, di ripristino del reticolo

idrografico e di mitigazione del rischio, o di ripristino degli habitat naturali, ad alta efficienza?

Previous articleM5S Campania, pericolo infiltrazioni camorristiche
Next articleCaso Kazakistan, Alfano “non ero stato informato”. Il M5S vuole vederci chiaro.
Angelo Tofalo cittadino eletto al Parlamento con il movimento 5 stelle nella XVII e XVIII legislatura, già Sottosegretario di Stato alla Difesa

2 COMMENTS

  1. […] tavolo tecnico sul Sarno all’interrogazione parlamentare (Puoi vedere qui: Interrogazione parlamentare) , l’impegno profuso dai cittadini per la tutela e il ripristino di uno dei fiumi più […]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here