Il Sottosegretario di Stato alla Difesa, Angelo Tofalo, in Kuwait

Sono appena rientrato in Italia dopo due intensi giorni trascorsi in Kuwait.

In occasione dell’Aviation Show 2020 ho assistito a una straordinaria esibizione dell’Eurofighter eseguita da un nostro pilota del Reparto Sperimentale di Volo dell’Aeronautica Militare, che ha lasciato il pubblico presente letteralmente a bocca aperta. Ciò è stato possibile soltanto grazie alla grandissima professionalità e capacità dei nostri piloti. Al salone espositivo ho incontrato poi i rappresentanti delle industrie italiane, che lavorano in questa strategica area geografica essendo leader mondiali nelle tecnologie riguardanti il settore aeronautico sia civile che militare, erano presenti Leonardo e Tecnam.

Il secondo giorno ho avuto modo di incontrare il Sottosegretario della Kuwait National Guard, il Capo di Stato Maggiore della Difesa del Kuwait, il Direttore Generale del Kuwait Institute for Scientific Research, il corrispettivo del nostro CNR. Nella Residenza dell’Ambasciatore d’Italia in Kuwait ho poi incontrato il Sottosegretario alla Amiri Diwan, diretto consigliere dell’Emiro, che rappresenta l’organo sovrano e l’ufficio amministrativo dell’Emiro stesso.

Il momento più bello della missione è stato quello della visita alla base di Alí Al Salem, dove per diverse ore sono stato in compagnia del contingente della Task Force Air. Ho pranzato con i nostri ragazzi e ragazze e ho avuto modo di apprezzare il loro incredibile lavoro. Credetemi se vi dico che abbiamo delle vere e proprie eccellenze!

Voglio pubblicamente ringraziare l’Ambasciatore d’Italia in Kuwait, S.E. Carlo Baldocci, il Sottocapo di Stato Maggiore dell’Aeornautica Militare, Generale di Squadra Aerea Luca Goretti, il nostro Addetto per la Difesa, Colonnello Vito Cracas che mi hanno seguito in ogni fase di questa importante visita istituzionale.

Abbiamo fatto squadra e grazie al loro prezioso supporto, insieme, siamo riusciti a rafforzare le già importanti collaborazioni con il Kuwait e a gettare le basi per progettualità future di grande interesse nazionale 👍🇮🇹💪🏼

Il mio arrivo in Kuwait

Sono da poco atterrato in #Kuwait insieme a tutta la delegazione italiana. In questi giorni mi accompagnerà il Sottocapo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Luca Goretti.

Ad accoglierci in aeroporto e a darci il benvenuto c’erano S.E. Carlo Baldocci, Ambasciatore d’Italia in Kuwait, il Capo di Stato Maggiore della Kuwait Air Force, Major General Adnan Al Fadhli, e il Colonnello Vito Cracas, nostro Addetto per la Difesa.

Domani parteciperò alla cerimonia d’apertura del Kuwait Aviation Show 2020 che prevede una performance degli equipaggi italiani con l’Eurofighter, visiterò gli stand delle nostre eccellenze industriali del settore aeronautico, sia militare che civile. È proprio di queste ore la notizia dell’accordo milionario tra la nostra Leonardo e gli Stati Uniti per la produzione e la consegna di 130 elicotteri alla US Navy che conferma quanto l’Italia sia competitiva in questo settore. Mi complimenterò di persona con l’A.D. Profumo presente anche lui in questi giorni alla kermesse.

Domani in serata incontrerò il personale della nostra Ambasciata per un saluto e per ringraziarli dell’importante lavoro che stanno facendo in questo meraviglioso Paese.

L’Italia con l’Aeronautica Militare al Kuwait Aviation Show 2020

Angelo Tofalo alla Cerimonia di inaugurazione della seconda edizione del Kuwait Aviation Show 2020

Questa mattina ho partecipato alla cerimonia di inaugurazione della seconda edizione del Kuwait Aviation Show 2020. Per la prima volta l’Italia partecipa a questa kermesse internazionale dedicata al settore aeronautico, sia civile che militare.

Ho provato un forte sentimento di orgoglio, mentre assistevo all’esibizione della nostra Aeronautica Militare che, in un contesto internazionale di altissimo livello, ha dimostrato grandi capacità operative e tecnologiche.

Sono stati impiegati gli equipaggi del Centro Sperimentale di Volo, un’eccellenza della nostra Difesa, e assetti pregiati come l’Eurofighter, il più avanzato caccia di quarta generazione realizzato in Europa, e il C-27J Spartan.

Tra la nostra Aeronautica e la Kuwait Air Force, ormai da decenni, c’è una forte amicizia e una proficua collaborazione per la formazione e l’addestramento dei piloti presso le la scuola di volo del 61° Stormo a Galatina (Lecce) e il 4° Stormo di Grosseto. Io stesso, in più occasioni, ho partecipato alla consegna dei brevetti. Finora sono stati formati 24 piloti, altri 20 sono in Italia per seguire i corsi insieme a 14 controllori di volo. A loro si aggiungono 64 specialisti manutentori di aeromobili.

La Difesa è dunque un importante strumento di politica estera nazionale e l’Aeronautica Militare italiana, apprezzata in tutto il mondo, è sinonimo di affidabilità, know how e tecnologia.

La sua presenza in Kuwait ha contribuito a rafforzare l’immagine dell’Italia nello scenario internazionale, soprattutto in questa area geografica di grande interesse, dove l’Italia intrattiene importanti rapporti in termini di cooperazione militare e industriale.

Possiamo quindi parlare di una significativa sinergia tra la Difesa e la nostra industria nazionale che è motore di sviluppo economico e tecnologico per il Paese.

Con me c’erano S.E. Carlo Baldocci, Ambasciatore d’Italia in Kuwait, il Sottocapo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Luca Goretti, il Colonnello Vito Cracas, nostro Addetto per la Difesa e l’A.D. di Leonardo, Alessandro Profumo.

Restate collegati perché più tardi vi aggiornerò sulla parte industriale 👍🇮🇹

Visita agli stand di Leonardo e Tecnam

Oggi dopo l’esibizione degli Eurofighter ho visitato lo stand industriale dove, tra gli oltre 300 espositori, erano presenti anche i nostri di Leonardo e di Tecnam, quest’ultima specializzata in costruzioni aeronautiche nel settore civile.

Parliamo di eccellenze italiane che forniscono prodotti di altissima qualità che sono apprezzati in tutto il mondo.

Naturalmente per primeggiare in un mercato tanto competitivo quanto complesso e per portare a casa risultati utili al Paese, è fondamentale che Istituzioni, Governo e Industria facciano “Sistema”.

La Difesa, grazie in questo caso specifico all’Aeronautica Militare, sta facendo un grande lavoro supportando la Kuwait Air Force che ha scelto per la “difesa aerea” i velivoli Eurofighter.

Il Medio Oriente si conferma ancora una volta una Regione di grande rilevanza strategica per l’Italia.

Con il Kuwait ci sono importanti collaborazioni in corso che possono rivelarsi opportunità in termini economici e di sviluppo tecnologico.

Le nostre industrie sono presenti in quest’area e portano avanti programmi che coinvolgono anche il settore della Difesa.

Basti pensare alla collaborazione tra l’Aeronautica Militare e la Kuwait Air Force nella formazione e nella specializzazione dei piloti.

Visita all’Ambasciata d’Italia in Kuwait

Nel pomeriggio, presso l’Ambasciata d’Italia, insieme a S.E. l’Ambasciatore Carlo Baldocci e alla delegazione italiana abbiamo avuto un briefing con l’A.D. di Leonardo Alessandro Profumo e il suo team.

Un momento di approfondimento utile a fare il punto di situazione sui programmi in corso e sui prossimi step da sviluppare e portare a termine.

Domani, in rappresentanza del Dicastero, avrò una serie di importanti incontri istituzionali sui quali vi aggiornerò non appena conclusa la giornata 👍🇮🇹

Incontri istituzionali con i vertici della Difesa del Kuwait

Gli-Incontri-istituzionali-con-i-vertici-della-Difesa-del-Kuwait-di-Angelo-Tofalo-in-Kuwait

Questa mattina ho avuto una serie di incontri istituzionali di alto livello con i vertici della Difesa del Kuwait e non solo.

Il primo è stato con il Generale Mohammed Khaled Al Khader, Capo di Stato Maggiore della Difesa. Abbiamo parlato della situazione internazionale e di questioni connesse alla politica comune di sicurezza e difesa, facendo un focus particolare su quest’area geografica tanto strategica e importante per la stabilità globale.

Al Generale Al Khader ho confermato il massimo impegno dell’Italia nella lotta al terrorismo. È una questione molto delicata e per affrontarla serve lo sforzo dell’intera comunità internazionale.

Il secondo incontro della giornata è stato con il Sottosegretario della Kuwait National Guard, il Generale Hashim Andulrazaq Al Refaea, Corpo d’elité deputato alla protezione delle strutture governative e delle infrastrutture critiche del Paese. Pensate che per entrare a far parte di questa unità, è necessario avere entrambi i genitori kuwaitiani. Nel corso del colloquio è emerso un forte interesse a incrementare la collaborazione con le nostre Forze Armate, in particolare con l’Arma dei Carabinieri.

Successivamente ho poi incontrato, in Residenza, il Sottosegretario alla Amiri Diwan del Kuwait che rappresenta l’organo sovrano e l’ufficio amministrativo dell’Emiro. Mr. Mazin Al-Essa è diretto consigliere dell’Emiro Al-Sabah.

Infine, ho avuto modo di conoscere la dottoressa Samira Omar, Direttore Generale del Kuwait Institute for Scientific Research, il corrispettivo del nostro CNR. Nella sua recente visita in Italia ha evidenziato grande attenzione per il settore Spazio e in generale alle tecnologie italiane, tema che abbiamo affrontato con reciproco interesse.

Sono state tutte importanti occasioni per rafforzare le collaborazioni in essere e gettare le basi per futuri programmi. Ora sono diretto alla base di Al Salem dalla Task Force Air in Kuwait per incontrare gli altri ragazzi. Vi aggiornerò dopo su tutto 👍🇮🇹💪🏼

La Task Force Air in Kuwait

Sorprendente! Questa è la parola che mi è venuta in mente dopo aver visto con i miei occhi le capacità dei nostri ragazzi e ragazze della Task Force Air in Kuwait.

Oggi pomeriggio sono stato infatti alla base di Alí Al Salem dove ho incontrato tutto il personale della Task Force Air Kuwait, portando loro il saluto e la vicinanza della Difesa e dell’Italia. Al comando del Contingente c’è il Colonnello dell’Aeronautica Militare Sergio Cavuoti. Ho pranzato con loro e, dopo un briefing di approfondimento sulle principali attività condotte, ho visitato la base e gli assetti impiegati per portare a termine i compiti assegnati. La Task Force Air è una delle componenti della missione “Prima Partica”, Operazione iniziata ad ottobre 2014 con il compito di contrastare i terroristi del DAESH operanti in Iraq e Siria.

Questi ragazzi stanno facendo un grandissimo lavoro che contribuisce a mantenere alto il supporto dell’Italia all’interno della Coalizione internazionale, in una regione strategica in termini di sicurezza e di stabilità. Il tutto, in questo periodo, è reso ancora più difficile dato il delicato e complesso momento geopolitico che sta vivendo l’area dopo l’escalation tra USA e Iran.

In particolare, la missione della componente dell’Aeronautica Militare che opera dal Kuwait è focalizzata nel fronteggiare la crisi umanitaria in corso in Iraq e nel fornire un rilevante contributo alle operazioni della Coalizione internazionale mirate a sconfiggere definitivamente il Daesh.

Dalle basi kuwaitiane la nostra Aeronautica Militare svolge attività di sorveglianza, ricognizione e raccolta dati con gli Eurofighter e i Predator e garantisce il rifornimento in volo degli assetti della Coalizione con i velivoli KC-767A.

I dati raccolti dai sensori aeronautici sono analizzati, convertititi e valorizzati dalla cellula “I2MEC”, un’eccellenza interforze italiana nel settore dell’intelligence che contribuisce in modo determinante alla superiorità informativa e quindi alla sicurezza della popolazione civile e del personale che opera in Iraq.

Le attività di sorveglianza, ricognizione, intelligence e analisi svolte dal Contingente italiano in Kuwait oltre a rispondere efficacemente alle richieste della Coalizione, garantiscono e consolidano gli ottimi rapporti di amicizia e collaborazione tra Italia e Kuwait, Paese con il quale abbiamo molteplici interessi in comune.

Nella base di Al Salem c’è anche il CAI-I, Centro Amministrativo di Intendenza Interforze che, sotto la guida del Colonnello Simonetti, svolge un importantissimo lavoro teso a garantire l’attività di supporto al Contingente nazionale e a provvedere all’acquisizione di beni e servizi per il funzionamento delle attività nell’intera area di competenza.

Nel mio indirizzo di saluto ho ringraziato questi uomini e donne che, a migliaia di km da casa, lavorano con competenza, professionalità e passione per la sicurezza di noi tutti 👍🇮🇹

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui