Home Attività Parlamentare Europa in pillole: Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea

Europa in pillole: Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea

3675
3
europa-in-pillole-carta-fondamentale-dei-diritti-dell'Unione-europea

Europa in pillole: Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea

La Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea è stata solennemente proclamata una prima volta il 7 dicembre2000 a Nizza e una seconda volta, in una versione adattata, il 12 dicembre 2007 a Strasburgo da ParlamentoConsiglio e Commissione.

Con l’entrata in vigore del trattato di Lisbona, la Carta di Nizza ha il medesimo valore giuridico dei trattati, ai sensi dell’art. 6 del Trattato sull’Unione europea, e si pone dunque come pienamente vincolante per le istituzioni europee e gli Stati membri e, allo stesso livello di trattati e protocolli ad essi allegati, come vertice dell’ordinamento dell’Unione europea.

Essa risponde alla necessità emersa durante il Consiglio europeo di Colonia (3 e 4 giugno 1999) di definire un gruppo di diritti e di libertà di eccezionale rilevanza che fossero garantiti a tutti i cittadini dell’Unione.

Il progetto è stato elaborato da un’apposita Convenzione presieduta da Roman Herzog (ex presidente della Repubblica Federale tedesca) e composta di 62 membri:

15 rappresentanti dei Capi di Stato e di Governo degli stati membri;

1 rappresentante della commissione europea;

16 membri del Parlamento europeo;

30 membri dei parlamenti nazionali.

La Carta enuncia i diritti e i principi che dovranno essere rispettati dall’Unione in sede di applicazione del diritto comunitario.

L’attuazione di tali principi, comunque, è affidata anche alle normative nazionali.

 

carta_diritti_europa
carta_diritti_europa

 

Il testo della Carta inizia con un preambolo ed i 54 articoli sono suddivisi in 6 capi i cui titoli enunciano i valori fondamentali dell’Unione:

Dignità (art 1-5);

Libertà (art. 6-19);

Uguaglianza (art. 20-26);

Solidarietà (art. 27-38);

Cittadinanza (art. 39-46);

Giustizia (art. 47-50).

Il settimo capo (art. 51-54) è rappresentato da una serie di “Disposizioni Generali” che precisano l’articolazione della Carta con la Convenzione europea dei diritti dell’uomo (CEDU).

I diritti contenuti nella Carta sono classificabili in quattro categorie:

le libertà fondamentali comuni, presenti nelle costituzioni di tutti gli stati membri;

i diritti riservati ai cittadini dell’Unione, in particolare riguardo alla facoltà di eleggere i propri rappresentanti al Parlamento europeo e di godere della protezione diplomatica comune;

i diritti economici e sociali, quelli che sono riconducibili al diritto del lavoro;

i diritti moderni, quelli che derivano da alcuni sviluppi della tecnologia, come la tutela dei dati personali o il divieto all’eugenetica e alla discriminazione diorientamento sessuale.

 

Vai al testo testo completo:

>> clicca qu

Previous articleGiffoni Film Festival: nessuno deve rimanere indietro
Next articleMaddaloni: c’era una volta il Villaggio dei ragazzi Don Salvatore D’Angelo
Angelo Tofalo cittadino eletto al Parlamento con il movimento 5 stelle nella XVII e XVIII legislatura, già Sottosegretario di Stato alla Difesa

3 COMMENTS

  1. […] “Trattato sul funzionamento dell’Unione europea” (TFUE). Ad essi vanno aggiunti la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e il Trattato Euratom (quest’ultimo non era stato integrato nella Costituzione […]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here