Home Servizi Segreti Italiani Professor Aldo Giannuli: Open Source Intelligence – Reverse Engineering

Professor Aldo Giannuli: Open Source Intelligence – Reverse Engineering

264
0
CONDIVIDI
Professor Aldo Giannuli: Open Source Intelligence - Reverse Engineering
Intelligence-and-security-Aldo-Giannuli-OSINT-lezione-3

Professor Aldo Giannuli: Open Source Intelligence – Reverse Engineering

Open Source Intelligence: Focus del professor Aldo Giannuli sulle fonti aperte Come funziona l’informazione?

Quali tecniche utilizzano i servizi informativi per raccogliere, analizzare e classificare la notizia?

Quanto pesa in termini di importanza l’Open Source Intelligence e cosa vuol dire fonti informative aperte?

Queste sono alcune delle domande a cui troverete risposta grazie a questa serie di lezioni del Prof. Aldo Giannuli.

Per iniziare a muoversi nel complicato mondo dei servizi segreti è necessario anzitutto approfondire le modalità di interazione che essi instaurano con i media.

Solo attraverso un approccio professionale nell’interpretazione di fonti e notizie si possono muovere i primi passi per costruire la base metodologica utile allo studio dei temi dell’Intelligence.

In questa prima lezione il professore Giannuli offre una panoramica ampia sulle manipolazioni, volontarie ed involontarie, che caratterizzano il flusso informativo dei media più importanti, quelli che generano opinioni diffuse e che spesso nascondono tra le righe alcune importanti verità


Lezione 3

Open Source Intelligence OSINT

Pillole d’Intelligence – Focus Prof. Aldo Giannuli

Sala Tatarella Camera dei Deputati

In questo pillola il prof. Giannuli offre una piccola panoramica sull’Open Source Intelligence OSINT.

Notizie vere, false, interessate, disinteressate  e suggestive?

Tutti i dati sono verificabili?

Perchè la contro-campagna di Matteo Renzi?

Come smontare la notizia con il Reverse Engeenering?

Quanto è importante la lettura della politica internazionale?

Questi sono solo alcuni degli argomenti trattati in questo terzo tutorial sui temi dell’Open Source Intelligence.

Commenta questo post