Home Servizi Segreti Italiani Vodafone e la medaglia d’oro per l’Italia: siamo i più spiati d’Europa!

Vodafone e la medaglia d’oro per l’Italia: siamo i più spiati d’Europa!

203
0
CONDIVIDI
vodafone-servizi-segreti-copasir-spia-utenze-telefoniche
vodafone-servizi-segreti-copasir-spia-utenze-telefoniche

Vodafone e la medaglia d’oro per l’Italia: siamo i più spiati d’Europa!

L’Italia è prima nella classifica 2013 dei paesi più spiati con 605.601 utenze intercettate, segue il regno unito con 514.608.

Come sempre il bel paese e medaglia d’oro solo quando si tratta di misurare la corruzione o, come in questo caso, subire la potenza degli altri paesi attraverso lo spionaggio.

La vodafone mette nero su bianco questi numeri per non lasciare spazio ad interpretazioni o mistificazioni. Che sia marketing, sensi di colpa o un sussulto di trasparenza non importa, il fatto è che già nel suo primo “Law Enforcement Disclosure Report” l’azienda ha parlato dei cavi utilizzati dai servizi segreti per intrufolarsi nelle comunicazioni e delle modalità utilizzate dalle agenzie di intelligence per ottenere le chiavi di accesso al network.

Da Snowden a Vodafone c’è sempre un filo conduttore…i governi negano l’evidenza…le zone d’ombra, garantite dallo spauracchio terrorismo, minano quotidianamente le ormai troppo fragili democrazie nazionali.

Ricordiamo che la criminalità viene combattuta dalle forze dell’ordine e dai corpi speciali comandati dalle procure che hanno un iter ben preciso per accedere a determinati fatti.

Come facciamo a controllare che i servizi informativi operino nel rispetto delle leggi nazionali ed internazionali?

Troppe volte abbiamo sentito parlare di servizi deviati, di gruppi di potere segreti e club esclusivi che hanno utilizzato determinate informazioni per insabbiare la verità.

Ora sta a noi mettere mano definitivamente a tutte le leggi che regolano il campo d’azione dei servizi di intelligence e spero che questa volta si eviterà di farlo insieme a Berlusconi, Dell’Utri ed altri condannati.

O forse pensando a modo vostro l’interlocutore giusto questa volta sarà molto peggio… magari Scajola…che vanta un cv di tutto rispetto… magari utilizzando i dati contenuti nel suo schedario per fornire un bel case history…

Questo governo, in pieno Datagate, non ha fatto ancora nulla per mettere al sicuro la privacy dei cittadini! vi siete mangiati un Paese, ogni appalto, da Expo al Mose… ora ci state rubando anche i pensieri più intimi!

Commenta questo post